All my life I wanted to look like Elizabeth Taylor. Now Elizabeth Taylor looks like me. (Divine)

Prostituzione e clienti innamorati

Posted: dicembre 3rd, 2012 | Author: | Filed under: Spizzichi e bocconi | Tags: , , , , | No Comments »

La lettera di una lavoratrice sessuale a Tits and Sass e le risposte di alcune sex worker su come gestire la relazione professionale con un cliente innamorato. Vi siete mai trovat* in situazioni simili (come sex worker o come clienti)? Che risposta avreste dato alla lettera?

Dear Tits & Sass: Overly Attached Client Edition
by suzyhooker on October 16, 2012

Dear Tits and Sass,
Last February, I met Phil off a sugar dating site. He was extremely effusive in quasi-personal affection towards me during our first meeting, to the point that I realized he was an attachment risk and considered not seeing him again. (He’d had a recent and extremely nasty divorce.) But I agreed to a monthly arrangement of x dollars/month for indefinite weekly meetings and saw him three times total. In addition to sex, he wanted an intellectual relationship.

Between our meetings, Phil frequently wrote me vaguely romantic emails, with very familiar addresses and conclusions (things like “dear love,” etc.). I am married and he knew that. Eventually he was sending me such intense emails that I concluded he actually thought he had fallen for me. The last piece of evidence for me that things had gone too far was when I went over to his house and found a picture of myself on his mantel: He had learned my real name from a careless mistake I made, found my Facebook, and got the picture from there.

Read the rest of this entry »


Consigli per la saluta de* sex worker

Posted: novembre 24th, 2012 | Author: | Filed under: Documenti, Sesso Sicuro | Tags: , , , , , , , | No Comments »
Nella rubrica Ask a Pro di Tits And Sass Sarah Elspeth Patterson del Persist Health Project di New York suggerisce alcuni accorgimenti per mantenersi in buona salute lavorando come sex worker

Ask A Pro: Immunity Boosters
by Sarah Patterson on October 11, 2012

Ask A Pro is a our column focusing on work and health, intended to share straightforward information about what you can do to keep yourself as safe as possible while on the job. Questions will be answered by sexual health expert Sarah Patterson, M.Ed. (See full bio below.) Questions you’d like to have answered can be sent to our info (at) titsandsass address. Full anonymity is guaranteed. 


Dear Ask A Pro,
My question is: what are the best ways to avoid getting sick when working? I find that when I am seeing multiple clients in a night it is emotionally and physically exhausting and I seem to be more susceptible to picking up colds or the flu. I’m sure this is a combination of a lowered immune system from the stress and pace of working mixed with swapping fluids and germs with unknown men.
Thanks,
Juliet

Dear Juliet,
Great question! You are correct in thinking that stress and exposure to infection can increase your chances of getting sick, but there are many things that can be done to deal with both stress and boosting your immune system. Read the rest of this entry »


Le quaranta ragioni per cui le puttane sono le mie eroine

Posted: dicembre 22nd, 2011 | Author: | Filed under: Documenti, Piccole gioie | Tags: , , , , | No Comments »

Le quaranta ragioni per cui le puttane sono le mie eroine – Annie Sprinkle – tradotto da Malapecora

1. Le puttane sanno condividere le parti più private e delicate del proprio corpo con perfetti sconosciuti
2. Le puttane hanno accesso a luoghi inaccessibili
3. Le puttane sfidano i costumi sessuali
4. Le puttane sono giocose
5. Le puttane sono tenaci
6. Le puttane svolgono carriere basate sul dare piacere
7. Le puttane sono creative
8. Le puttane sono avventurose ed osano vivere pericolosamente
9. Le puttane insegnano alle persone come godersela di più a letto
10. Le puttane hanno molte culture e molti generi
11. Le puttane danno eccellenti consigli e aiutano le persone a risolvere i loro problemi personali
12. Le puttane si divertono
13. Le puttane indossano vestiti eccitanti
14. Le puttane hanno pazienza e tolleranza con le persone che non sopporta nessuno
15. Le puttane rendono le persone sole meno sole
16. Le puttane sono indipendenti
17. Le puttane insegnano come fare sesso sicuro
18. Le puttane sono una tradizione
19. Le puttane sono trendy
20. Le puttane hanno un ottimo senso dell’umorismo
21. Le puttane sollevano milioni di persone da stress e tensioni indesiderate
22. Le puttane guariscono
23. Le puttane resistono di fronte ai pregiudizi più feroci
24. Le puttane fanno i soldi
25. Le puttane hanno sempre un lavoro
26. Le puttane sono sexy ed erotiche
27. Le puttane hanno un talento speciale che le altre persone semplicemente non hanno. Fare la puttana non è mica da tutti.
28. Le puttane sono persone interessanti che hanno vissuto un sacco di storie eccitanti
29. Le puttane passano molto tempo a letto
30. Le puttane aiutano le persone ad esplorare i propri desideri sessuali
31. Le puttane esplorano i propri desideri sessuali
32. Le puttane non hanno paura del sesso
33. Le puttane ci danno dentro
34. Le puttane sfavillano
35. Le puttane sono divertenti
36. Le puttane hanno il coraggio di indossare parrucche molto grandi
37. Le puttane non si vergognano di essere nude
38. Le puttane aiutano gli handicappati
39. Le puttane si autorganizzano
40. Le puttane si ribellano contro le assurde, patriarcali e bigotte leggi che minacciano la loro professione e lottano per il diritto legale a ricevere uno stipendio per il loro prezioso lavoro.

Vedi anche King Kong Bloggers


Le persone sex worker sono state violentate da piccole?

Posted: dicembre 19th, 2011 | Author: | Filed under: Documenti | Tags: , , , , | No Comments »

Uno dei miti sulle motivazioni che portano le persone ad intraprendere la professione di sex worker analizzato nei dettagli da Charlotte Shane (di professione sex worker) su Tits and Sass

It’s supposed to be common knowledge that I ended up in my job as an escort because, as a child, I suffered some serious emotional damage. But from the inside looking out, it’s clear to me that non-sex workers have plenty of issues all their own. Last week, one of them kept jumping out at me: civilian women’s cavalier clichés about sex workers’ pasts.

I know plenty of men believe that every sex worker has had a screwed up childhood. For me, though, accusations of familial damage cut a lot deeper when they’re thrown around by women, particularly women with otherwise feminist chops (*coughcough* Tina Fey.) We all suffer from slut/whore/man-hater sexism—meaning we’re all vulnerable to the stigma against a woman expressing sexuality in any “deviant” way—so shouldn’t we all reject that misogyny? It’s obvious that the abused sex worker myth is a symptom of our culture’s need to pathologize sexual women, and it should be obvious why the “some adult must have screwed you up when you were little” jab is a mean-spirited, ignorant, and completely trite accusation—but apparently it isn’t. For women like Mary Elizabeth Williams, let me break down the myriad ways it sucks. Read the rest of this entry »


Uno sguardo sulla situazione delle persone sex worker in Argentina

Posted: dicembre 15th, 2011 | Author: | Filed under: Documenti | Tags: , , , , , , , | No Comments »

Una panoramica sulla situazione delle persone sex worker in Argentina, sulle lotte in corso e sui problemi che affrontano dalla voce di Elena Reynaga dell’AMMAR – Asociación de Mujeres Meretrics de la Argentina intervistata da Graeme Green su Metro il 29 novembre 2011.

Elena Reynaga: Sex work is a service, so why can’t we have rights?

Prostitutes in Argentina are taking an unprecedented step – calling for a charity that represents them to be given full union status. As World Aids Day approaches, Metro speaks to the woman behind the move…

‘I’m not ashamed. I’m truly proud of what I do,’ says Elena Reynaga. ‘Through my work, I created possibilities for my children, opportunities I didn’t have myself. My children went to school, got jobs. I have nothing to be ashamed of.’

Reynaga was a prostitute who spent the 30 years since she turned 19 working in Buenos Aires, the capital of Argentina. She has now left the streets behind to lead Redtrasex (Latin American and Caribbean Sex Workers Network) and Ammar (Female Sex Workers’ Association of Argentina).

A non-profit organisation, Ammar is run as an unofficial trade union, helping women on issues such as health, education, safety and human rights.
Having sex for money is legal in Argentina but the group is preparing a bill to send to their parliament early next year calling for sex work to be classified as official work and for the organisation to be recognised as an official trade union.

‘We consider ourselves working people,’ says Reynaga. ‘We want to get all the rights that people who work enjoy: the right to have a pension, social security…’ Read the rest of this entry »


Giornata Internazionale per la fine della violenza contro le persone sex worker – Torino

Posted: dicembre 13th, 2011 | Author: | Filed under: Appuntamenti, Repressione | Tags: , , , , , , , , , , , , , , | No Comments »

In occasione della Giornata Internazionale per la fine della violenza contro le persone sex worker a pochi giorni dalle iniziative in UK e in Francia anche a Torino presso il circolo Maurice si svolgerà una serata a tema con proiezioni, testimonianze e discussione.

L’argomento è vasto e complesso ma sento sempre di più l’esigenza di analizzarlo e parlarne insieme, conoscendolo meglio e cercando di capirne tutte le sfaccettature, le implicazioni e le contraddizioni.

sabato 17 dicembre 2011

dalle ore 19.30 – presso il circolo di cultura GLBTQ Maurice
Torino, via Stampatori 10

APERITIVO

PROIEZIONE DI CORTOMETRAGGI

Nè colpevoli, nè vittime

(2009 // 39’38’) Videobox alla conferenza europea sul lavoro sessuale, Bruxelles.

Progetto presentato da International Committee on Rights of Sex Workers

a cura delle SexyShock

Heroes of HIV

(2007 // 8’16’’) Una produzione LinkTv // Repubblica Dominicana

I’m a sex worker

(2009 // 0’58’’) A cura di Sex Work Awareness // New York

Fières d’être Pute

(2010 – 32’00’’) Regia di Irene Dionisio

In Francia successivamente al terzo “Pute Pride” nanziato da una prostituta parigina con i

guadagni di una nottata di sesso sadomaso con un ministro, un gruppo di prostituti

composto da trans, lesbiche, travestiti, etero tra i più noti del panorama parigino,

ha creato un sindacato in difesa dei diritti dei lavoratori del sesso, lo STRASS.

TESTIMONIANZE

Evento realizzato in collaborazione con FestiLav – Festival Italiano Cinematografico dei Lavoratori – organizzato dall’Associazione Culturale Taksim.

Alcuni spunti di approfondimento:

 


Giornata contro la violenza sulle persone sex worker a Soho (Londra)

Posted: dicembre 12th, 2011 | Author: | Filed under: Appuntamenti | Tags: , , , , | No Comments »

Join us on the 15th of December 2011 for a candle light vigil in Soho, London to remember our friends and colleagues who were victims of violence. We will start at Picadilly Circus, Eros statue at 6pm and walk in Soho towards Trade Union Councils (TUC ) Congress House, Great Russell Street, WC1. Programme of the evening include speakers, short movies, and refreshments This event is organised by SERTUC LGBT Network in collaboration with Sex Worker Open University.
Speakers will include:
GMB branch I50 (sex workers)
English collective of Prostitutes
Ava Caradona, X-Talk
Member of STRASS, french union of sex workers
Short movie from Sex Worker Open University 2011
SERTUC women rights committee
John McDonnell MP
and a presentation by Dr Kate Hardy about sex workers’ unionisation in Argentina.


Sex worker in manifestazione a Parigi, Lione e Tolosa – 17 dicembre

Posted: dicembre 10th, 2011 | Author: | Filed under: Appuntamenti, Repressione | Tags: , , , , , | No Comments »

In occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle persone sex worker il 17 dicembre STRASS (Syndicat du TRAvail Sexuel) invita a manifestare a Parigi, Lione e Tolosa.

Portare un ombrello rosso (simbolo delle lotte dei/delle sex worker) e la vostra rabbia. La manifestazione sarà in memoria delle colleghe assassinate e delle vittime di violenza e avrà luogo dalle ore 14 con partenza in place Pigalle, Parigi


X:Meet! – sex workers a Londra

Posted: dicembre 9th, 2011 | Author: | Filed under: Appuntamenti | Tags: , , , , | No Comments »

Se siete a Londra martedì 13 dicembre vi segnalo il primo X:Meet (A Sex Worker Social Space) a cura del progetto Xtalk. Un’iniziativa decisamente interessante a cui spero ne seguiranno molte altre!

Xtalk invita tutte e tutti al primo X:Meet!

La prima iniziativa che promuove la creazione di spazi dedicati a tutte le persone che lavorano nell’industria del sesso. Molto spesso ci troviamo in difficoltà nel raccontare le nostre esperienze di lavoro, per questo vogliamo costruire momenti in cui poter condividere, libere/i da ogni stigma, le nostre esperienze di vita e di lavoro. Saranno previste proiezioni di video, discussioni, cibo e musica!

Xtalk – che significa ‘dialogni incrociati – e’ un progetto che nasce nel 2005 in un bordello di Londra, dalla constazione che la conoscenza della lingua era determinante nel lavoro. La strutturale disparità di risorse tra lavoratrici migranti e non, e la realizzazione dell’importanza di comunicare e di lottare assieme, piuttosto che ‘aiutare’ o ‘salvare’, e’ stata la ragione che ci ha condotto a prendere parola tutte e tutti assieme e alla costruzione di percorsi di autodeterminazione. Nella pratica, uno degli obiettivi che ci poniamo è l’organizzazione di lezioni gratuite di inglese per sex worker migranti – con e senza documenti. Proprio attraverso  l’insegnamento della lingua cerchiamo di condividere più  strumenti possibili, utili per avere condizioni di lavoro più sicure e per rompere l’isolamento a cui molte vole siamo costrette/i.

Il nostro progetto è aperto a tutti e tutte coloro che vendono servizi sessuali – lavoratori e lavoratrici nei bordelli, di agenzie escort, nelle case, nei bar, linee telefoniche e internet, stripper, ballerine e porno star. Rispettiamo la scelta delle persone come lavoratrici e lavoratori nell’industria del sesso perche’ troppo spesso viene negata la nostra voce e veniamo considerate/i vittime. Ci viene insegnato a vergorgnarci del nostro lavoro e veniamo invisibilizzati da leggi discriminatorie coperte dall’ipocrita facciata perbenista dello stato che vuole salvarci. In un contesto di vittimizzazione, criminalizzazione e isolamento delle sex worker migranti e di stigmatizzazione delle persone che lavorano nell’industria del sesso, ritieniamo importante la costruzione di spazi di autodeterminazione e di discussione.

E, allora, tutte e tutti a X:MEET!

The first X:Meet: happening at 7.30pm on Tuesday 13th December
Venue: Gloucester Place, Marble Arch, Central London
Call: 07914 703372 for the address

Per saperne di più visita il sito di XTalk


Le persone sex worker minorenni prendono la parola

Posted: dicembre 9th, 2011 | Author: | Filed under: Documenti | Tags: , , , , , , , | No Comments »

Kristen Hinman sul Village Voice racconta la ricerca condotta dall’antropologo Ric Curtis e da Meredith Dank  tramite interviste a più di 200 sex worker minorenni nella città di New York. I dati che emergono mettono in profonda crisi molte delle convinzioni sul tema e delle strategie adottate dalle istituzioni e dalle associazioni che se ne occupano.

Dalle interviste emergono alcuni dati particolarmente interessanti

• Circa metà dei minorenni – il 45% – sono ragazzi
• Solo il 10% è sotto la gestione di un un magnaccia o un “facilitatore”
• Circa il 45% è entrato/a nel “mercato” tramite un amico/a
• Più del 90% è nato/a negli USA (il 56% è nato/a nella stessa New York)
• In media hanno iniziato ad esercitare all’età di 15 anni
• La maggior parte dei clienti sono uomini – in preferenza bianchi e ricchi
• La maggior parte degli adescamenti avvengono per strada
• Circa il 70% dei minorenni afferma di essere andato/a a richiedere assistenza almeno una volta ad un centro di aiuto per giovani
• Praticamente tutti i giovani – il 95% – affermano di aver scambiato sesso con soldi perchè era il modo più sicuro per mantenersi.

In altre parole il minorenne tipico che è commercialmente sessualmente sfruttato nella città di New York non è una ragazza pre-adolescente, non è in condizioni di schiavitù sessuale e non prigioniero di un pappone.

Quasi tutti i ragazzi e le ragazze coinvolti nel mercato del sesso a New York lo stanno facendo in autonomia.
Fonte:  Village Voice – Lost Boys – pagina 1

Altrettanto interessanti le motivazioni che spingono i/le sex worker minorenni a fare questo lavoro

• “Non riesco a trovare un lavoro che paghi meglio di questo”
• “Mi piace la libertà che questo di vita mi offre”
• “Il mio amico sta facendo un sacco di soldi facendolo e mi ci ha introdotto”
• “Voglio soldi per comprarmi un nuovo cellulare”
Fonte: Village Voice – Lost Boys – pagina 7

L’articolo prosegue mettendo in discussione, alla luce dei dati raccolti dalle interviste, gli interventi del governo statunitense e l’approccio di molte delle organizzazioni di che si occupano di sex worker minorenni e che spesso si basano sulla lotta alla schiavitù sessuale e al commercio delle persone che dalla ricerca sembra essere solo una minima parte del fenomeno.

Dall’articolo è possibile capire la metodologia di raccolta dati adottata e scoprire molte altre informazioni in particolare sulle difficoltà che incontrano le persone sex worker minorenni, sui loro desideri e sulle violenze di cui sono vittime (spesso anche da parte delle forze di polizia).

L’articolo completo può essere letto direttamente sul sito di Village Voice o scaricato in formato PDF cliccando qui